studio fotografico

Come arredare uno studio fotografico senza spendere un capitale

Uno studio fotografico è importante per qualsiasi fotografo, che sia amatoriale o professionale. Chi è alle prime armi ma vuole fare fotografie professionali deve porre particolare attenzione all’allestimento del suo studio.

Requisiti principali di uno studio fotografico

Ricordiamoci sempre che il nostro scopo è quello di creare fotografie professionali, quindi il voler non spendere un capitale non dev’essere sinonimo di scadente, soprattutto per quanto riguarda le attrezzature, che, quindi, devono essere anche facilmente trasportabili e versatili. Fare una foto professionale non significa solo allestire una stanza adeguata, ma anche riuscire a riprodurre all’esterno l’ambientazione che più ci è congeniale e adatta al momento, al tipo di foto che dobbiamo fare. Abbiamo quindi l’esigenza di montare e smontare una parte dell’attrezzatura.

La stanza che scegliamo è importante. Se c’è una finestra deve esserci la possibilità di oscurarla completamente: in mancanza di adeguate tapparelle, possiamo utilizzare dei cartoncini neri ben spessi da attaccare ai vetri con del nastro adesivo. Dev’essere un ambiente abbastanza grande, in modo che ci sia lo spazio ideale per montare l’attrezzatura, ma anche quel tipo di arredamento come ad esempio un armadietto, un mobiletto, una scrivania, adatti a riporre con ordine gli strumenti che in quel momento non ci servono e a organizzare il nostro lavoro.

Fondale e luci

macchina fotograficaSarebbe bene avere una parete completamente libera e preferibilmente bianca da usare come fondale. Se non abbiamo questa possibilità dobbiamo procurarcene uno: esistono fondali in stoffa e di cartone. Quello in cartone è più maneggevole, mentre quello in stoffa sarebbe da stirare ogni volta che va utilizzato. Naturalmente bisogna munirsi anche di un porta fondale maneggevole e leggero.

Per quanto riguarda le luci abbiamo tre possibilità: luci continueflash monotorciaflash a slitta. Quest’ultimo è da preferire, in quanto sono leggeri e facilmente trasportabili, quindi li possiamo utilizzare dove vogliamo essendo alimentati da semplici pile stilo.

Per utilizzare il flash a slitta non sul corpo macchina abbiamo bisogno anche di un trigger radio che sincronizzi lo scatto della macchina fotografica con quello del flash. Per questo tipo di luce troviamo in commercio degli ottimi ma economici modificatori di luce, che sono quegli elementi che si posizionano davanti alla luce per modificarne gli effetti.

Ne abbiamo di diversi tipi: ombrelli bianchi traslucidi che sono perfetti da utilizzare in una esterna, quelli neri riflettenti, ottimi sia in interna che in esterna, i softbox  e octabox che servono a direzionare la luce con molta precisione, e infine i beauty dish da preferire per i ritratti.

Posted in Arte e Fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *