argentine-tango-2079964_640

Balli di gruppo: quali i più amati

I balli di gruppo sono entrati a tutti gli effetti a far parte della cultura italiana. Ci sono persone che li amano a tal punto da decidere di iscriversi a corsi di ballo per divertirsi ma anche per approfittare e conoscere nuove persone da frequentare e anche per mantenersi in forma.

Infatti i balli di gruppo, pur non rientrando nella categoria dello sport, permettono di fare movimento, di mantenersi in forma e di perdere anche qualche chilo di troppo.

I balli di gruppo sono adatti a bambini ed adulti e tutti almeno una volta nella vita li abbiamo fatti a qualche festa , seguendo magari i passi di qualcuno più esperto di noi.

Trasmissioni televisive come “Ballando sotto le stelle” hanno contribuito a rinverdire il successo del ballo in generale e in particolare del ballo di gruppo. Ci sono piccole palestre che fanno lezioni di balli di gruppo ma anche delle grandi balere che hanno una pista grandissima dove ballano decine e decine di persone tutte insieme.

Generalmente questi posti hanno anche aree di ristoro per poter trascorrere un’intera serata in compagnia, ed anche questo è un modo per fare movimento e divertirsi contemporaneamente.

Quali sono i balli di gruppo più famosi

I balli di gruppo più famosi sono quelli latino-americani ma anche i tormentoni dell’estate o i balli anni Sessanta. Tra questi resta famosissimo oggi l’Hully Gully che era un ballo nato nei primi anni Sessanta che è molto semplice da eseguire perché è un ballo eseguito in “linea” con la variante di girarsi di tre quarti e guardare quindi tutti i muri della stanza.

Negli anni Settanta invece spopolava il ballo sulla canzone dei Village People “YMCA” che era un ballo in cui si mimavano con le braccia le lettere che danno il titolo alla canzone stessa.Negli anni 90 invece viene inserita sempre nei must dei balli di gruppo la Macarena e poi successivamente il waka waka di Shakira che è stato il tormentone dei mondiali di calcio del 2010 in SudAfrica.

Un altro ballo di gruppo molto famoso è l’italianissimo Gioca jouer cantato a Sanremo nel 1981 da Claudio Cecchetto. Se volete iscrivervi a dei corsi di balli di gruppo c’è l’imbarazzo della scelta ovunque ed a qualsiasi ora ( preferibilmente orari serali o tardo pomeridiani). Potete consultare anche il sito di Fusolab.

Perché scegliere i balli di gruppo

I balli di gruppo latino americano e le danze caraibiche permettono di unire l’esercizio fisico con il benessere della mente, vengono consigliati a ogni età perché portano tanti effetti benefici.

Innanzitutto le danze latino americane permettono di acquisire una postura corretta, migliorano la coordinazione, aprono le spalle, e ci aiutano nell’equilibrio ma anche nella flessibilità.

In età adulta, soprattutto, si cominciano ad avere problemi alla schiena e i muscoli non sono più sciolti come un tempo ma grazie ai balli manterremo giovani le nostre giunture, caviglie e ginocchia, resteremo sciolti anche di spalle e di braccia e anche la cervicale sarà sollecitata in maniera positiva.

Questi balli non hanno salti o movimenti bruschi che vanno a sollecitare in modo negativo la schiena.
In secondo luogo il ballo aiuta anche a livello psicologico: ti permette di aumentare l’autostima, di superare la timidezza e di esternare a livello corporeo le emozioni.

Le musiche latino americane inoltre sono molto gioiose e trasmettono positività e buon umore. Inoltre anche se non si è dei ballerini provetti i balli di gruppo permettono di seguire gli altri ed anche di nascondersi tra la folla se non si ha l’indole del primo ballerino e se si è timidi.

Posted in Arte e Fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *