Lo stile fotografico del 2017

Stile fotografico nel 2017

Fotografie spirituali, che immortalano le anime più che i corpi, che ritraggono i pensieri piuttosto che i paesaggi e che fissano su pellicola le emozioni, non le scenografie fisse. Lo stile fotografico che adotteremo nel 2017 è quello del divine living: a svelarlo sono gli esperti di Getty Images, agenzia fotografica leader mondiale, che in un report parlano del trend che verrà nel prossimo anno e dei visual trend del passato.

Stile fotografico nel 2017 per Getty Images

Il Divine Living è uno stile concettuale, spirituale, animista: protagonisti centrali delle fotografie del 2017 saranno persone autentiche ritratte avvolte nella luce, con lo sguardo verso il cielo, in un momento di preghiera e raccoglimento. Altro stile promosso da Getty Images è l’Outsider In: negli scatti ci saranno personaggi alternativi, rock, ribelli, dissidenti che si staccano dalla massa per promuovere un messaggio inedito. Anche lo stile Messthetics si affermerà nel 2017: è l’estetica del caos, l’imperfezione che diventa pregio, in queste fotografie il brutto verrà ritratto come bello. Tramonta l’era del bianco e nero, del seppiato e delle sfumature: gli scatti dell’anno nuovo saranno iperdefiniti, coloratissimi, ritoccati per accentuare le nuance del rosso e dell’arancione, i contorni dei paesaggi, le linee del volto.

Stile fotografico nel 2017 per Canon

Le indagini condotte da Canon indicano che il 64% delle persone nel 2017 stamperà ancora le proprie fotografie mentre il 32% ne farà un collage. Alla gente piace ancora la foto stampata, in particolare quando si tratta di scatti di famiglia, di eventi speciali o di ricorrenze come il Natale, le vacanze, il Giorno del Ringraziamento. Il 59% delle immagini condivise sui social network riguarderà i nostri animali domestici, in gran parte i gatti, i soggetti più immortalati su Facebook e Instagram. I selfie andranno ancora alla grande: il 57% delle immagini saranno, appunto, costituite da autoscatti. Una grossa fetta del mercato iconografico sarà composta dal cibo: la food photography è uno stile ormai affermatissimo con tanto di hashtag dedicati. Tra i piatti più fotografati ci sono quelli italiani al 22%, quelli di cucina giapponese al 9% e quelle cinesi al 7%, le pietanze preferite sono il gelato al 51%, la pizza al 44% e la pasta al 42%. Stop allo stile anni Novanta dello scatto rubato: le immagini di nuova generazione sono tutte posate.

Cosa deve avere un fotografo per emergere

I nuovi fotografi del 2017 saranno videografi: sarà il videofonino a trasformarli in fotografi e l’obiettivo è quello di condividere le immagini sui social network. Un professionista dovrà perciò affinare il proprio sguardo per distinguersi dai dilettanti, ricercare la perfezione nei minimi dettagli, bilanciare alla perfezione la luce e, dopo aver aggiustato le specifiche tecniche, trovare anche una bella storia da raccontare. Pardon, da fotografare.

Posted in Arte e Fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *